sabato 3 dicembre 2011

Lezioni di stile


Tra le varie cose che mancano nel mio diario di vita culinaria ci sono ordine e precisione!
Ogni volta che mi rimbocco le maniche davanti alla cucina soprattutto se ho poco tempo creo sempre disordine e caos...!
In particolare la pasticceria che a casa mia sembra più un termine dispregiativo, intendo come qualcosa che ha a che vedere con i pasticci di una pasticciona...
Il risultato è quasi sempre positivo, ma la metodologia sarebbe già stata bocciata da qualunque scuola di pensiero! Insomma per i dolci ci vuole precisione, rigore, non si possono inventare le dosi a piacimento o variare le ricette con quel pizzico di senso artistico che sempre s'intrufola nelle mie mani... Soprattutto perchè adoro prepararli ed ogni volta finisco con l'arrabbiarmi da sola perchè l'impasto lievita male o perchè inciampo negli stampi che ho abbandonato ovunque.
Quindi con un po' di calma oggi ho copiato passo passo la ricetta di un'amica-di-blog tratta dal libro di Maurizio Sntin.
Non avevo dubbi: esperimento riuscito, solo un po' di disordine in cucina!
Ps: Ora non è che ve ne andate tutti? :-)


Ciambella classica
Ingredienti:
300g farina
250g zuchero
4 uova
1 bicchiere d'olio semi
1/2 bicchiere di latte
7g lievito per dolci
5g sale fino
buccia di limone grattato

Imburrare ed infarinare uno stampo per ciambella.
Battere i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Unire la scorza di limone ed il sale.
In un recipiente preparare olio e latte poi unirli all'impasto. Aggiungere la farina ed il lievito setacciati. Montare bene gli albumi ed incorporarli piano al resto poi riempire lo stampo.
Cuocere a 180° per 45 minuti.

6 commenti:

  1. Se il risultato è quello che si vede e non ho dubbi sul sapore rimani pasticciona è tutto guadagno ciao

    RispondiElimina
  2. ciao splendida :) a quanto pare questa ciambella ha davvero mietuto larghi consensi. ciao Fede, un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. ne prendo un pezzetto da accompagnare ad un bel caffé fumante..

    RispondiElimina
  4. Bella e buona, da rivista e da...pancia!

    RispondiElimina